Finanziamento acquisto auto: concessionaria o finanziaria?

Salvo l’ipotesi di disporre di un po’ di capitale a parte, difficilmente chi acquista un veicolo lo fa con i soli mezzi propri, ricorrendo spesso e (mal) volentieri all’utilizzo di un finanziamento presso lo stesso concessionario o presso la propria banca / finanziaria di fiducia.

Ma quale è la scelta più conveniente? Meglio acquistare un’auto finanziandola in concessionaria dal rivenditore? Oppure è meglio farsi finanziare dalla banca e, con il ricavato del prestito, comprare l’auto senza indebitarsi con il concessionario?

Prestito finalizzato della concessionaria

Iniziamo con il rammentare che stiamo parlando di due forme tecniche evidentemente diverse, visto e considerato che il prestito della finanziaria è un prestito personale, e il prestito della concessionaria è un prestito finalizzato.

Tale finanziamento è generalmente contraddistinto da un tasso fisso, da un piano di ammortamento a rate costante di durata non superiore a 5 anni, ed è erogato in maniera “virtuale”: non vedrete certamente del contante passare nelle vostre mani, o degli accrediti sul vostro conto corrente bancario, considerato che l’importo dell’erogazione finirà direttamente nelle casse del concessionario che vi darà l’auto.

Tenete anche conto che generalmente il finanziamento non viene realizzato dal concessionario, quanto da una banca o da una finanziaria con la quale il concessionario ha stipulato degli accordi o, in altre ipotesi, soprattutto legate a concessionari particolarmente importanti e legati alle case madri, dalla divisione finanziaria delle stesse.

Dunque, si sottoscrivono i moduli presso il concessionario, si ottiene l’auto e si inizia a rimborsare il capitale mediante il pagamento di rate sul proprio conto corrente o con bollettini. Ma è la formula più conveniente?

In realtà, come ci suggerisce il sito internet https://espertodelrisparmio.com, spesso è possibile risparmiare qualche centinaio di euro sull’operazione ricorrendo a un prestito personale.

Prestito personale in finanziaria

Riprendendo gli spunti con i quali abbiamo concluso il precedente paragrafo, sottolineiamo come spesso le condizioni del prestito finalizzato in concessionaria siano “blindate”, ovvero non negoziabili, e frequentemente non siano certo le più basse sul mercato, essendo spesso commercialmente bilanciate dalla maggiore facilità di ottenimento rispetto a crediti non al consumo.

Dunque, salvo il caso che la concessionaria non stia realizzando delle vendite promozionali particolarmente accattivanti mediante la propria linea di credito, il nostro consiglio è quello di cercare di comprendere quali siano le condizioni di indebitamento sul mercato.

Scegliendo un prestito personale rispetto al prestito finalizzato, infatti, il compratore del veicolo mantiene la facoltà di scegliersi personalmente la finanziaria dalla quale ottenere il prestito. Questo non è certamente una garanzia di maggiore convenienza rispetto al prestito finalizzato in concessionaria, ma è sicuramente una opportunità da non sottovalutare, poiché espone il cliente a poter selezionare le condizioni migliori di volta in volta trovate confrontando diverse offerte.

Tecnicamente, come sopra abbiamo già anticipato, l’erogazione del prestito non verrà effettuata direttamente nelle mani del rivenditore, bensì sul conto corrente del cliente della finanziaria. A costui spetterà poi il compito di pagare, con tale ricavato, l’auto da acquistare.