Pagare e prelevare soldi in Cina: le tipologie di carte e i metodi migliori

Sia per lavoro che per turismo o per partecipare a importanti fiere ed eventi, sempre più italiani programmano un viaggio in Cina o stanno pensando di organizzarne uno nel prossimo futuro, limitazioni permettendo (controlla qui per gli aggiornamenti).

Per chi sta programmando un viaggio in Cina, ecco cosa bisogna sapere su contanti e carte di credito, per pagare le spese correnti e prelevare denaro in valuta locale.

Valuta

Noto anche come Yuan, la moneta cinese è il Renminbi, di cui puoi sapere tutto in questa pagina sul sito Chinaitaly. Le banconote sono in tagli da 100, 50, 20, 10, 5 e 1 yuan. La valuta cinese è considerata una “valuta esotica” dalla maggior parte dei fornitori di valuta estera, quindi per un buon tasso di cambio è meglio aspettare fino ad arrivare in Cina per ottenere Yuan.

Contanti

Per prelevare soldi in Cina, si può usare il bancomat o la carta di credito. L’importante è farlo in un normale istituto bancario, evitando i chioschetti “Change” e i posti poco raccomandabili. La Bank of China ha filiali nella maggior parte delle città dove è possibile sia prelevare con la carta che cambiare gli euro in Yuan a un tasso eccellente, senza commissioni. La maggior parte dei grandi hotel offre anche servizi di cambio valuta con tassi simili alle banche. Gli sportelli di cambio valuta nella hall degli arrivi dei principali aeroporti offrono tassi di cambio e livelli di commissione meno favorevoli, meglio evitarli.

Le banconote in moneta cinese di grosso taglio sono tutte ampiamente accettate nelle principali città, ma alcuni dei ristoranti e dei negozi locali più piccoli potrebbero non essere attrezzati per dare molto resto e, come del resto accade spesso anche in Italia, preferire banconote di piccolo taglio.

Bancomat e ATM

I bancomat sono diffusi da decenni ormai in tutta la Cina, anche nei paesi più sperduti. In qualsiasi città cinese non ci si troverà mai troppo lontano da una banca o da un bancomat. Tuttavia, quando si viaggia verso destinazioni più remote del Paese, è consigliabile portare con sé contanti sufficienti poiché è possibile che gli sportelli automatici siano scarsi o inaffidabili. Inoltre, bisogna tenere presente che alcuni sportelli automatici addebitano una piccola commissione per i prelievi di contanti, quando si utilizza una carta bancaria straniera.

Prima di partire per la Cina, è raccomandabile verificare con la propria banca italiana le commissioni specifiche. Altra buona pratica, è quella di ricordarsi sempre di informare la propria banca prima di utilizzare la carta all’estero, per evitare improvvisi blocchi da parte del sistema di sicurezza automatico dell’istituto di credito.

Carte di credito e debito

L’uso di carte di credito e di debito nelle transazioni è molto diffuso in Cina, per alcuni versi addirittura superato! Ormai i cinesi pagano tutto con il telefonino, in modalità touchless. Il pagamento in contanti è ancora ovviamente molto ben visto e tollerato, quindi conviene sempre assicurarsi di avere sia una carta in tasca che una scorta di contanti per pagare eventuali acquisti o servizi non inclusi nel costo del viaggio.

Cambio valuta

Poiché la Cina rimane una società basata sul contante, vale la pena prelevare con carta un importo ragionevole poiché si avrà bisogno di contanti per molte transazioni quotidiane. Se si ha in programma di viaggiare nelle parti più remote della Cina, consigliamo anche di portare qualche euro in contanti come riserva di emergenza.

I tassi di cambio offerti per gli euro variano considerevolmente, quindi vale la pena guardarsi intorno. Come regola generale, meglio evitare sempre di cambiare denaro in aeroporto a meno che non si abbia prenotato la transazione per assicurarsi e bloccare una tariffa vantaggiosa. Uno dei modi più convenienti per ottenere il miglior tasso di cambio è ordinare in anticipo e ritirare la valuta presso il punto vendita del fornitore o organizzare la consegna.

Carte prepagate

Le carte di credito prepagate sono oggi più che mai, anche in Cina, il modo più sicuro per viaggiare con “contanti” in tasca messi al sicuro in una carta. Le prepagate sono molto più convenienti dei vecchi Travellers Cheques che stanno lentamente diventando obsoleti. Unica accortezza, prima di partire, è di verificare che si abbia in tasca una tra le carte di credito accettate in Cina (vedi quali sono): dipende infatti dall’appartenenza a uno dei principali circuiti di pagamento.

Tra le varie prepagate in Cina, segnaliamo che ne esistono diverse che offrono un tasso di cambio fisso al 2,75% inferiore al tasso interbancario prevalente, quando si spende all’estero e si preleva valuta locale dagli sportelli automatici. A differenza delle carte di credito, il processo di richiesta di una prepagata è semplice, ma è necessario prevedere almeno sette giorni per la consegna della carta.

Chi ha meno tempo, può cercare sul mercato delle prepagate speciali che possono essere richieste fino a 24 ore prima della partenza, quindi ritirate presso una filiale in numerosi aeroporti italiani.

Carte di credito

Chi viaggia regolarmente in Cina, farebbe bene a richiedere una delle carte di credito specializzate per i viaggiatori che offrono eccellenti tassi di cambio e addebitano zero commissioni di “caricamento”, quando si acquistano articoli o si fanno prelievi in valuta locale dagli sportelli automatici mentre si è all’estero. Buon viaggio in Cina!